Episodio 20 – Technical malfunction / Q&A parte II

Il caldo, la stanchezza, le vacanze e un piccolissimo inconveniente tecnico ci vedono costretti ad andare online in forma ridotta e interrompere per un attimo l’analisi dell’End per dedicarci alla nostra seconda attività preferita dopo l’analisi dell’End: rispondere alle domande che ci fate su Patreon!
Come la volta scorsa gli argomenti spaziano da serie a film compresi i capitoli del Rebuild, il concetto di “spoiler” a questo punto del podcast ci sembra un po’ superato ma è bene avvisarvi comunque: se non siete in pari con tutto ma proprio tutto tutto tutto potreste incorrere in degli spoiler! Proseguite a vostro rischio, ma se proseguite: buon ascolto!

Come sempre:

  • Potete ascoltarci direttamente da qui o sul sito di Querty, su SpreakeriTunesSpotifyGoogle Podcast e qualsiasi altro aggregatore di podcast di vostra scelta!
  • Potete sostenere questa impresa con una donazione libera attraverso Patreon (che vi permetterà di accedere a contenuti esclusivi come la possibilità di tempestarci di domande alle queli rispondiamo in episodi come questo)
  • Potete interagire con noi attraverso i commenti di questo post o sui nostri profili Twitter o Instagram.
  • Potete condividere questo post e consigliarci ad amici e parenti, a vostro rischio e pericolo!
  • Potete realizzare un anime completamente diverso da Evangelion per poi rendervi conto che Evangelion è sempre stato parte di voi e alla fine in realtà avete creato un anime identico a Evangelion.
Aiutaci a mindfuckarti: sostienici su Patreon!

Categorie Podcast

8 commenti

  • Packman88 on 1 Settembre 2020 at 6:43 pm said:

    Reply

    Beh che dire, massimo rispetto per Andrea, in quanto avevo ideato una storia simile (solo a livello di disegni) col personaggio “ispirato” a me che guidava il caz**tissimo Eva Delta e il mio migliore amico l’Unita Omega (non linciatemi, facevo la seconda media)

  • Lilith Asuka Nagisa on 1 Settembre 2020 at 9:15 pm said:

    Reply

    Stando alla Wikia, il nome del Jet Alone è ispirato al Jet Jaguar, un robot che appare in Godzilla vs Megalon. A me personalmente ha sempre ricordato un Eva disegnato da un bambino.
    Darling in the Franxx è di fatto una serie della A-1 Pictures, lo studio Trigger ha solo collaborato alla veste tecnica, e infatti i risultati si vedono perchè in questa serie non c’è nient’altro della Trigger. A me sembra il figlio illegittimo di Evangelion e Aquarion. Anche se non letteralmente faccio parte della schiera degli haters, sorry, XD. Aquarion lo trovo molto più divertente e un po’ meno spazzatura. Inoltre l’ambientazione e l’atmosfera hanno un che di raffinato e suggestivo, se non fosse per le scene fanservice sembrerebbe uno shoujo. Il titolo completo è Sousei no Aquarion, e la versione internazionale è Genesis of Aquarion… Appunto, lol.
    Rahxephon somiglia ad Evangelion proprio Hideaki Anno e Yutaka Izubuchi sono compagni di bevute! Quanto a Tomino, Anno ha preso da Ideon ma lui nel 98 si è vendicato con Brain Powerd, quindi sono pari. XD
    Omamma Le Situazioni di Lui & Lei! Quant’è bello il manga all’inizio… e quanto diventa pesante dopo!
    Omamma (2) gli spinoff… La trama di Anima a me sembra una (brutta) fanfiction, letteralmente. 😀 Anche più di Cronache degli Angeli Caduti, che almeno ha delle buone idee di partenza. Alle Clamp però non ci arriva mica, piuttosto sembra scritto dalla stessa gente che fa gli spinoff di Code Geass.
    Comunque la domanda da un milione di dollari è: il cambio di colore dei capelli di Asuka nel Rebuild è solo una scelta stilistica oppure no? Ci vorrebbe un episodio in merito, magari su Nervella 2000. ;-D
    Spero che il vostro problema tecnico si risolva al più presto, alla prossima!

    • sul jet jaguar l’ho scoperto anch’io poco dopo aver registrato l’episodio, ma rimango del parere che ha ispirato solo il nome, di aspetto continua a sembrarmi più simile il boss borot!
      non sapevo che in darling la trigger aveva fatto solo la manovalanza ma a ripensarci in effetti è molto poco triggerosa… probabilmente pensavo che la triggerezza sarebbe triggerata più avanti e io mi sono fermato troppo presto XD
      aquarion miglior serie che amo odiare, quando si mette a fare gli svarioni sugli angeli caduti e gli alberi della vita senti proprio il rumore del generatore casuale di “roba alla evangelion”, per il resto è una serie davvero mediocre e così a corto di idee che ha semplicemente usato TUTTE quelle degli altri, i mean, nel cast c’è una vampira gothic lolita su una sedia a rotelle!!!
      sul colore di capelli di asuka… è vero che nel Rebuild sono più chiari, ma quanto è un indizio che c’è qualcosa di diverso e quanto sono cambiati semplicemente i canoni di colorazione neli anime? negli anni 90 era tutto sparaflashoso mentre oggi si tende a una colorazione molto più delicata…

      PS: ho capito perché i tuoi messaggi finiscono sempre in moderazione… perché ti inventi ogni volta un indirizzo email diverso! scegline uno and stick to it! XD

      • Lilith Asuka Nagisa on 2 Settembre 2020 at 4:22 pm said:

        Reply

        Ahah scusate uso un servizio di email temporanea fatto apposta per tutelare la privacy (io non ho così tanta creatività, lol). Non è di voi che non mi fido sia chiaro, ma di altri eventuali spioni… La Seele ha occhi e orecchie ovunque!:-D

        • ah ok fai benissimo, calcola solo che ogni volta che commenti te lo dovrò approvare io a mano XD ma se non è un problema per te a posto così 🙂

  • La vera maledizione degli Eva per voi è non riuscire a parlarne per meno di un’ora/un’ora e mezza ogni volta xD.
    Il format di risposta alle domande fatte su Patreon si sta rivelando sempre più interessante, specie come gradito antipasto in attesa della prossima parte dell’analisi di EoE.
    Qualche, seppur tardiva, considerazione sparsa, vista peraltro la natura eclettica di questo episodio:

    1) premesso che l’argomento è stato ben trattato nel corso della puntata, facendo anche numerosi esempi concreti, l’impatto di Evangelion sull’animazione giapponese successiva rappresenta un argomento molto vasto e complesso, anche perché c’è da distinguere tra diverse tipologie e gradi di influenza:

    – influenze tematiche. Spesso sono quelle meno apparenti, dato che vi sono diverse opere che, a ben guardare, condividono senza dubbio con Eva alcuni leitmotiv e/o il modo di concepire lo sviluppo e l’interazione dei personaggi, pur appartenendo a generi magari molto diversi. Per quanto riguarda i personaggi, Evangelion non ha ovviamente creato ex novo i corrispondenti archetipi, anzi in diversi casi ha sfruttato e talvolta ‘decostruito’ modelli preesistenti, ma senza dubbio ha contributo a (ri)codificarne per diversi anni alcuni tratti della personalità, modi di fare e di esprimersi o addirittura lo stesso aspetto fisico. Rientrano in tale categoria un vasto numero di personaggi ispirati, in misura maggiore o minore e con più o meno successo, a Gendo, Asuka e, soprattutto Rei. Quest’ultima non è stata di certo la prima ragazza taciturna e misteriosa dell’animazione giapponese, ma è diventata indubbiamente iconica e la rappresentante per eccellenza della categoria, entro la quale la sua epigona più ‘popolare’ è probabilmente Nagato Yuki della serie di Suzumiya Haruhi;

    – influenze stilistiche e registiche. Alcune di queste soluzioni, come si è detto in diversi episodi del podcast, non sono nemmeno ‘originali’ di Eva perché magari ispirate ad altri registi sia giapponesi sia occidentali, ma non c’è dubbio che la serie abbia contribuito a popolarizzarle ulteriormente, specialmente nell’ambito dell’animazione;

    – influenze ‘estetiche’ e metanarrative. Qui rientrano tutte le citazioni più o meno esplicite di elementi ‘interni’ alla serie, dal design di unità Eva e Angeli a quello delle plug suit e dei piloti stessi, lo stato di berserk, l’aspetto degli AT-field, il diagramma d’onda e altri messaggi di allerta dei Magi ecc. (persino la scena dell’ospedale o la posa sulla sedie pieghevole durante l’Instumentality xD). Poi ci sono addirittura le citazioni a Evangelion come opera di finzione in sé, all’interno del contesto dell’anime/manga X in questione.
    Come si è detto, questo genere di citazioni e camei è particolarmente diffuso in ambito parodistico o comico. Tra gli esempi più eclatanti che mi vengono subito in mente, c’è l’intera sequenza dell’ep. 9 dell’anime di Keroro Gunso dove Saburo’invade’ casa Hinata: un bishonen too cool for school dai capelli argentati il cui arrivo fa scattare lo stato d’emergenza e che penetra con noncuranza ogni difesa, compreso l’AT-field della porta d’ingresso? E che poi discende fluttuando in un pozzo con le mani in tasca? Con in sottofondo l’Inno alla Gioia? Doppiato dallo stesso Akira Ishida?

    2) ah Le Situazioni di Lui & Lei. Quando appresi dei motivi dietro gli screzi tra Anno e l’autrice del manga, che avevano portato alla brusca conclusione dell’anime, persi rapidamente ogni interesse al riguardo, dato che era emerso come gran parte di quello che avevo apprezzato della serie era frutto dell’adattamento della Gainax più che della qualità del materiale originario. La lettura di alcuni veloci spoiler sul proseguimento della storia mi confermarono ulteriormente tale impressione.
    Anni più tardi, per puro caso, scoprii che un’amica aveva tutta la raccolta del manga e mi feci così prestare l’ultimo numero, tanto per soddisfare il mio gusto decadente e la morbosa curiosità di sapere come va a finire una storia già iniziata. Ancora oggi non mi sono pentito abbastanza di averlo fatto;

    3) per Aquarion avevo attuato con successo un processo freudiano di rimozione, quindi ‘grazie’ per avermi ricordato una siffatta perla ^^. All over the place, non credo ci sia altro modo di definirlo.
    Di RahXephon non conosco molto nemmeno io perché non mi ha mai attirato particolarmente pur avendo visto qualche episodio, ma mi ricordo bene le faide col fandom di Eva in tema di influenze e (asserite) scopiazzature. Il fatto che talvolta si negasse ad oltranza (talvolta anche contro l’evidenza) ogni contributo di Evangelion alla formazione di RahXephon per poi vendere quest’ultimo come “il nuovo Eva” o “l’anti-Eva” non aiutava certo il dialogo

    • scoprii che un’amica aveva tutta la raccolta del manga e mi feci così prestare l’ultimo numero, tanto per soddisfare il mio gusto decadente e la morbosa curiosità di sapere come va a finire una storia già iniziata. Ancora oggi non mi sono pentito abbastanza di averlo fatto

      figurati che per soddisfare il mio gusto decadente quel manga l’ho comprato tutto ancora mentre usciva ed è tipo una delle cose che più amo odiare sulla faccia della terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *