ROE: Second Impact, Near Third Impact

Ovvero: come imparai a non preoccuparmi e ad amare la fine del mondo

Secondo un calendario maya che non contiene immagini succinte di Asuka, Rei e Misato – e quindi per quel che ci riguarda NON ESISTE – oggi 21 dicembre 2012, dovrebbe essere la fine del mondo. I veri motivi per cui questo non è possibile sono due:

1) Marty McFly ha viaggiato nel 2015;
2) l’attacco del Terzo Angelo è previsto per il 2015.

Nel presunto giorno dell’Apocalisse, però, noi Magi non potevamo esimerci dal presentarvi una pagina ricca di dati, analisi e fatti sulle nostre fini del mondo preferite: gli Impact.
Nei programmi questo sarebbe dovuto essere un breve post riassuntivo, invece sono diventati tre e incasinati come poche altre cose al mondo: la fatica che farete voi a leggere non è nemmeno la metà di quella che abbiamo fatto noi a scrivere, se vi consola. Ma bando alle introduzioni, estendete al massimo i vostri AT-Field (che se cadono è un problema, specie in questa circostanza) e avviate una qualche musica carina: non è la fine del mondo, senza un’estraniante musica carina.

REBUILD OF EVANGELION: SECOND IMPACT

[2.0] L’epicentro del Second Impact visto dallo spazio, a quindici anni dal suo verificarsi

Datazione:  quindici anni prima degli eventi narrati nel Rebuild. Basandoci sulla serie, la data dovrebbe essere il 2000, ma recenti scoperte ci spingono a prendere in considerazione anche il 2002.

Coordinate: presumibilmente, Polo Sud. Si tratta di una supposizione avanzata sulla base della serie, visto che dialoghi non lo confermano mai esplicitamente, ma non abbiamo motivo di credere che il punto d’origine sia cambiato.

Quando lo vediamo: in 2.0, quando Kaji informa Shinji del passato di Misato, un flashback ci mostra ciò che è avvenuto in quel terribile giorno. Sempre in 2.0 è  visibile anche l’epicentro dell’Impact, quando Gendo e Fuyutsuki sorvolano la Terra di ritorno dalla base lunare di Tabgha.

Cause: a innescare il Second Impact è il risveglio di quattro divinità, note come “Adams” (il nome non viene mai pronunciato dai personaggi, ma appare in una scritta nel preview di 2.0), che si presentano sotto forma di giganti luminosi dotati di ali. Vista la presenza sul posto della spedizione guidata dal professor Katsuragi, è evidente che il risveglio sia stato provocato dall’intervento dell’uomo, proprio come nella serie. Lo stesso Gendo, nel corso di un dialogo con Fuyutsuki, conferma che “c’è stato chi anelava a raggiungere questa condizione catastrofica”, ma non disponiamo di informazioni più precise su cosa esattamente sia stato fatto per raggiungerla, e se dietro a tutto ci sia la Seele come nella serie – anche se ci sembra probabile.

Cosa succede: Vorrei poter dire che si sa poco o niente sulla dinamica degli eventi, ma la cruda realtà è che non ne sappiamo assolutamente nulla. Le cause dell’innesco sono sconosciute, tutto quello che possiamo fare è provare a decifrare le immagini che scorrono nel flashback:

[2.0] Il Second Impact nel suo stadio iniziale

Un enorme globo nero emerge dalla Terra e attorno ad esso sorgono quattro croci, seguite dai quattro Adams. Dall’epicentro dell’Impact si estende un vortice di luce multicolore e nel suolo si apre una frattura a forma di croce.
Quanto alla sfera nera, possiamo ipotizzare che si tratti dell’uovo all’interno del quale sono stati rinvenuti gli Adams. La fenditura a forma di croce è identica a quella che si spalancherà al di sopra del Geofront nel corso del Near Third Impact, dunque anche il Second Impact ha probabilmente preso avvio nel sottosuolo, all’interno della cavità sferica formatasi attorno all’uovo degli angeli.

[2.0] Second Impact: la sortita degli Adams

Il vortice arcobaleno dovrebbe indicare l’estensione dell’Anti A.T. Field prodotto dagli Adams, che provoca la scomparsa degli A.T. Field e l’estinzione di tutte le vite umane comprese entro quell’area.
Nessuna forma di vita generata da Lilith sarà più in grado di sopravvivere nella zona colpita: non a caso, Gendo la definisce “un mondo purificato del peccato originale, il cui accesso è precluso perfino all’uomo”.
Il processo viene probabilmente bloccato grazie all’impiego di quattro Lance di Longinus, ma la sostanza rossa secreta dagli Adams contamina la quasi totalità dei mari, causando l’estinzione di massa di tutti gli organismi che li popolano.

Aftermath: si suppone che le conseguenze corrispondano a quelle della serie, ovvero lo spostamento dell’asse di rotazione terrestre col suo bravo corredo sconvolgimenti climatici, lo scioglimento dei ghiacciai e il conseguente innalzamento del livello del mare, e così via. Nella serie, però, l’area in cui il mare è inanimato e tinto di rosso è circoscritta al Polo Sud. Nel Rebuild non solo l’espansione dell’Impact è decisamente più ampia, ma le conseguenze operano su una scala molto più larga: gli oceani vengono contaminati da una sostanza tossica di colore rosso che provoca l’estinzione di tutti gli organismi marini, con conseguenze disastrose sull’ecosistema. Il liquido, simile a sangue, ricorda la sostanza in cui si tramutano i corpi degli Angeli quando vengono annientati.

[2.0] Quindici anni dopo il Second Impact, all’epicentro è ancora chiaramente visibile un vortice di luce arcobaleno

Quando Gendo e Fuyutsuki sorvolano l’epicentro dell’Impact è possibile notare come il processo, più che estinto, sembra in uno stato di congelamento: il cratere a forma di croce è ancora aperto, l’anello di luce arcobaleno è ancora presente e così anche le quattro croci. Solo gli Adams mancano all’appello.

Quattro giganti, quattro lance: perchè non diamo un’occhiata più da vicino ai nostri amici Adams? Tutti quanti presentano delle lunghe ali luminose e un’aureola, ma ognuno si differenzia dagli altri per dei piccoli particolari.
Passiamoli in rassegna, da sinistra a destra:

[2.0] Gli Adams sono tutti diversi, ognuno con la sua personalità. Collezionali tutti!

  • due occhi, un singolo nucleo circondato da sei puntini;
  • due occhi, un singolo nucleo, plain and simple, privo di segni distintivi;
  • due occhi, un singolo nucleo circondato da una specie di anello (due nuclei concentrici?);
  • tre occhi, nucleo convenientemente tagliato fuori dall’inquadratura.

Inutile dire che l’ultimo è quello che ci impensierisce più di tutti. Potrebbe essere privo di nucleo — come appare nel preview di 2.0 — oppure… beh, io vi consiglio di andare a rileggervi l’articolo sull’IPEA, prestando particolare attenzione al logo.

[2.0] In ogni confezione troverai inclusa una lancia!

Compaiono anche quattro lance, evidentemente rinvenute assieme agli Adams. Due si esse sono inequivocabilmente Lance di Longinus, mentre delle altre vediamo solo il manico.

REBUILD OF EVANGELION: NEAR THIRD IMPACT

[2.0] Il Third Impact emerge in superficie, aprendo una breccia a forma di croce nel suolo

Datazione: stando alla serie, 2015. Stando alle recenti scoperte di cui sopra, prima metà del 2018.

Coordinate: Neo Tokyo-3, Giappone. L’epicentro corrisponde al Geofront.

Quando lo vediamo: occupa la sequenza finale di 2.0 e prende avvio quando Shinji riesce a sconfiggere il decimo Angelo, Zeruel, e a trarre in salvo Rei all’interno dell’Eva-01.

Cause: la versione breve è che Shinji provoca il Risveglio dell’Eva-01, la cui fusione con Rei conduce alla nascita di una nuova divinità. La versione lunga e inquietante è che non solo Gendo aveva previsto il ritorno di Shinji – che al momento dell’attacco di Zeruel sta lasciandola città, fermamente convinto a non pilotare mai più un Eva – ma sapeva anche che avrebbe innescato il Risveglio dell’Eva-01, condizione da lui auspicata e necessaria all’adempimento del famigerato Patto con Lilith.
Anche la fusione dell’Eva-01 con Rei fa parte del piano: l’avvicinamento dei due, favorito con ogni mezzo da Gendo, aveva proprio lo scopo di fare in modo che Shinji la salvasse e che la loro unione risultasse nel Risveglio dell’Eva e nella nascita del nuovo Dio.

Cosa succede: Zeruel si pappa in un sol boccone l’Eva-00, con Rei al suo interno, e si fonde con esso. In questo modo i segnali di identificazione dell’Angelo si trasformano in quelli dell’Eva: ora può entrare nel Dogma e raggiungere Lilith senza rischiare l’autodistruzione. L’essere ibrido risultato dall’unione assume le sembianze di una gigantesca Rei (simile a Lilith!Rei di EoE), salvo per il capo, che resta immutato.

[2.0] Zeruel si pappa lo 00 con Rei e ci guadagna un paio di tette

Zeruel/Rei distrugge le corazze che proteggono il Dogma e riesce a farsi strada fino al ponte di comando, dove viene intercettato dall’Eva-01 pilotato da Shinji (ormai l’unico in grado di attivarla), deciso a salvare Rei a tutti i costi.
Quando la riserva di energia dell’Eva si esaurisce, sono la rabbia e la forza di volontà di Shinji a risvegliare l’unità 01. Al suo feroce grido “Restituiscimi Ayanami”, gli occhi di Shinji e quelli dell’Eva si accendono di rosso, l’unità si riattiva e sostituisce il braccio perso nel corso della battaglia con un arto di puro AT Field.

[2.0] Lo 01 in god-mode

Non a caso, il berserk dello 01 in 2.0 è noto tra i fan anche come “godmode”: l’Eva presenta tutte le caratteristiche di una divinità. Gli occhi e la corazza brillano di luce rossa, sopra il capo gli compare un’aureola, la corazza costrittiva viene infranta. Tra l’Eva e il pilota avviene una fusione totale: l’entry plug penetra sempre più a fondo nel nucleo, fino a toccare il punto di non ritorno entro il quale Shinji rischia di non riuscire più a recuperare la propria umanità.
Neutralizzato il suo AT Field, l’Eva-01 impone le mani di fronte al nucleo dell’avversario, cercando di penetrarlo.
La corazza dell’Eva si infrange all’altezza del petto, rivelandone il nucleo pulsate, come se a causa della vicinanza i due fossero entrati in risonanza. Dal nucleo scaturiscono dei lunghi fasci di luce simili alle ali degli Adams, benché appaiano molto più deboli, mentre l’aureola inizia ad irradiare cerchi concentrici di energia: è l’epicentro da cui sta prendendo avvio il Third Impact.

RITSUKO: L’Eva che volevamo imprigionare nei limiti umani sta ritornando al suo stato originario. Spezzando le catene che gli abbiamo imposto, sta mostrando una natura superumana vicina a quella di un Dio. Collegando il cielo, la terra e il creato dentro a gigantesche onde di complementarità, si trasforma in una massa concentrata di pura energia, all’unico scopo di soddisfare un desiderio umano. Solo per quello.

Lo 01 riesce ad aprirsi una breccia nel nucleo del gigantesco essere e ad estirparne la componente angelica: un nucleo più piccolo, risultato dalla fusione di Zeruel  con l’Eva-00. E’ il momento in cui Shinji riesce ad afferrare la mano di Rei e trarla in salvo.

[2.0] Shinji afferra Rei e la trae in salvo

[2.0] Lo 01 estrae il nucleo di Zeruel

Il corpo della creatura esplode in un ammasso di materia rossa che però, invece di disperdersi come avviene solitamente quando un Angelo viene annientato, si ricompone immediatamente nel corpo di una gigantesca Rei. Il suo aspetto, rosso e luminescente, ricorda da vicino quello di un nucleo.

[2.0] La mega Rei si fonde col nucleo dell’Eva-01

Rei si fonde col nucleo dello 01 e ne viene completamente assorbita.
Un’incisione a croce infrange la superficie terrestre: dall’interno del Geofront, il Third Impact ha raggiunto la superficie e l’anello di energia si sta estendendo sul pianeta.
La corazza si dissolve, e l’Eva-01 assume l’aspetto di un gigante luminoso dotato di tre occhi, due nuclei e lunghe ali del tutto simili a quelle degli Adams.

[2.0] Ecco cosa succede quando Shinji si avvicina troppo a Rei.

RITSUKO: è nata una nuova vita che trascende la ragione di questo mondo. Per compensazione, le antiche vite si estingueranno […] La prosecuzione del Second Impact condurrà al Third Impact. Verso la fine del mondo.

Ora, nel Rebuild non abbiamo nessuna informazione certa circa l’origine dell’Eva-01, né abbiamo mai ricevuto una conferma chiara e inequivocabile che Rei contenga l’anima di Lilith come nella serie. Se la situazione fosse rimasta la stessa, però, il motivo dell’innescarsi dell’Impact sarebbe evidente: lo 01, clone di Lilith, si sarebbe riunito con la sua anima e questo condurrebbe inevitabilmente al suo risveglio che sfocia nel Perfezionamento.

Il Third Impact viene però bruscamente interrotto quando Kaworu, a bordo del Mark.06, scaglia una lancia contro l’Eva-01. L’effetto dell’attacco è quello di neutralizzare l’elemento S²: il braccio rigenerato scompare, la corazza ritorna al suo posto e lo 01 precipita al suolo.
In 3.0 si scoprirà che il nome dell’arma è Lancia di Cassius.

Aftermath. Stando a quanto si vede in 2.0, i danni sembrerebbero di entità relativamente lieve. Il Geofront è in gran parte distrutto ed è stato praticamente scoperchiato, ma lo staff della Nerv si trovava al sicuro nell’occhio del ciclone. Per quanto riguarda i civili, invece, non si ha nessuna notizia.
In 3.0 scopriamo invece che le conseguenze dell’Impact sono state gravissime: a causa degli sconvolgimenti ambientali, la popolazione mondiale è stata ulteriormente decimata e quel che resta di Neo Tokyo-3 è un ammasso di macerie. La città è inoltre invasa di quelli che sembrerebbero Eva-01 in miniatura. Per le immagini e informazioni più dettagliate vi rimando al riassunto del film.

Categorie Plug for dummies, Rebuild of Evangelion, RoE: Analisi, RoE: Teorie

9 commenti

    • …effettivamente non è vero XD Mi pareva che si nutrisse dello 03 contaminato da Bardiel, ma in realtà lo dilania coi denti e basta.
      Chiedo venia, ho scritto quella parte con quattro ore di sonno sul groppone (perchè avevo passato la nottata a indagare il Second Impact, mica perchè fossi a fare vita sociale o qualcosa del genere)

  • Ragazzi complimenti per l’articolo, devo fare però una piccola correzione: quando lo 01 si fonde con rei, non acquisisce il terzo occhio; quel puntino rosso non è altro che la decorazione finale del corno dell’elmo dello 01, che era diventato rosso dopo il suo risveglio, si ci fate caso infatti è ancora possibile notarlo, il corno, anche in mezzo a tutta l’aura che emana. Il tutto è come al solito un immenso troll, difatti le altre parti rosse dell’armatura sono state rimosse, e quelle in prossimità delle “guance” dell’Eva nascoste dall’aura, proprio per far intendere che quello sia effettivamente un terzo occhio.
    Detto questo non possiamo sapere se il quarto adam ha 3 occhi, magari quel puntino è la fine del corno dello 01, nel caso in cui non lo fosse, questo gioco di luci è stato fatto apposta per portarci alla deduzione che quell’adam sia lo 01.
    Tutto questo imho ovviamente, felice di essere smentito 🙂

  • Quando all’inizio dell’articolo parlate di luogo di origine Polo Sud come supposizione non confermata ma basata sulla serie, potete pure correggere e indicarlo come dato accertato: in 2.0 (a cominciare dal fotogramma che voi stessi pubblicate), si vede chiaramente la sagoma del continente Antartico sotto l’esplosione multicolore “congelata” del Second Impact.

  • Barnaba on 7 aprile 2013 at 1:34 am said:

    Reply

    Se c’è una cosa che mi fa veramente esplodere il cervello, questa è la sequenza del Near Third Impact in cui Shinji estrae Rei dai meandri di Zeruel.

    Cosa diavolo sta succedendo in quel momento?!

    Ho letto in giro che Shinji salva “l’essenza” di Rei, ma si vede perfettamente che il ragazzo si libera dai cavi che lo collegano allo 01 per spingersi faticosamente al salvataggio: questo deve voler dire che si sta muovendo con il suo corpo fisico. Suppongo che poi Shinji proceda fino ad arrivare all’interno del nucleo dell’angelo…ed ecco il mindfuck, perché lo 01 non è affatto collegato a Zeruel, infatti le mani dell’Eva non lo toccano affatto.
    L’unica teoria che – immagino – potrebbe spiegare questo fatto è che la sequenza sia simbolica, e che il liberarsi dai cavi significhi, parafrasando Ritsuko, che Shinji sta trascendendo il limite umano “liberandosi” dai vincoli terreni. Ma allora perché fatica a muoversi verso il nucleo di Zeruel? E soprattutto, quando riesce a penetrare la misteriosa barriera che lo separa da Rei, perché si scortica? Potrei immaginare che succeda perché l’angelo è una creatura esattamente agli antipodi rispetto a un essere umano, ovvero ha una natura diametralmente opposta: un po’ come l’annichilazione tra materia e antimateria, quindi, il contatto diretto con un angelo causa dolore e distruzione di un essere umano. Questo significherebbe che Shinji raggiunge lo stato di divinità solo dopo aver salvato Rei e solo dopo che la Rei gigante si è fusa con lo 01, il che è coerente con quanto ci viene spiegato.
    Eppure la sequenza del salvataggio mi sembra ancora troppo “fisica” per poter parlare di essenze. Insomma…What the fuck!

    • La sequenza è evidentemente simbolica, e di conseguenza lo sono anche i cavi, la pelle scorticata, le lucine blu e tutto il resto. Mi sembra inverosimile perfino per gli standard di Eva che Shinji strisci FISICAMENTE dentro al corpo di Zeruel e afferri il corpo fisico di Rei e se lo trascini di nuovo dentro allo 01.

  • Zippo7killer on 6 settembre 2013 at 6:07 pm said:

    Reply

    MOMENTO MOMENTO MOMENTO! ho rivisto il 2.0 2 sere fa e dell’attacco di kaworu per bloccare il
    third impact non c’è traccia! In quale occasione Kaworu usa la lancia dal suo 06 per distruggere l’elemento S2? Nel 3.0? Perchè se anche l’ho visto non mi ricordo questa parte…

    • E’ dopo i titoli di coda, assieme al preview di 3.0, evidentemente sei tra quelli che sono usciti appena sono partiti XD C’è un motivo se sul nostro twitter abbiamo raccomandato di non alzarsi fino alla fine!

  • Gianluca on 2 gennaio 2015 at 12:12 am said:

    Reply

    E’ possibile che il second impact del rebuild non sia altro che l’ impact fermato in 3.0? Inoltre penso che il final impact della serie originale sia in relazione con il second impact di quest’ ultima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *