Evangelion 2.22: differenze fra trailer e film

Un’opera in divenire

Evangelion, abbiamo imparato negli anni, è un’opera in fieri, in costante evoluzione e che, per quanto sia bello fantasticare su una possibile conclusione, tutti gli indizi portano a credere non finirà mai. Quando si parla della sua realizzazione, bisogna tenere sempre presente che il prodotto “finale” cui noi assistiamo è il risultato dell’incontro/scontro tra due forze opposte e (fino a un certo punto) contrarie: da un lato c’è un autore, Hideaki Anno, con una visione chiara e personalissima, un’idea molto precisa di dove vuole arrivare ma non di come, dall’altra c’è uno studio (Gainax, Khara) composto da tante persone e altrettanti punti di vista, di cui Anno, per quanto importante, è solo un membro. Uno studio, è bene ricordarlo, storicamente noto per essere poco incline a gestire budget, rispettar scadenze o restare fedele a una stessa idea per più di 15 minuti. Da questa dialettica nasce un’opera sfaccettata, sicuramente imperfetta e carica di contraddizioni, ma viva, che non resta mai troppo a lungo uguale a se stessa perché non smette mai di aggiornarsi e, almeno nelle intenzioni, migliorarsi.

Questa premessa è indispensabile per fare piazza pulita di certi luoghi comuni francamente idioti secondo cui Anno e il suo staff farebbero quello che fanno “a caso”, o con il preciso scopo di prendersi gioco del loro pubblico o di arricchirsi sulla loro pelle (onestamente, uno studio che voleva arricchirsi avrebbe finito i soldi a metà dell’episodio 19?), ma anche per capire che il processo creativo in Eva non si ferma neanche quando il prodotto viene rilasciato sul mercato: esempi lampanti sono i director’s cut e i film D&R e EoE, che realizzati a posteriori ridefiniscono il finale della serie, la stessa quadrilogia cinematografica — sia che si tratti solo di un remake che vuole aggiustare il tiro, sia che si tratti veramente di un seguito — edita in più versioni rivedute e corrette (1.0 e 1.11, 2.0 e 2.22…) e, all’interno di essa, il caso delle “anticipazioni” che si rivelano puntualmente diverse dal film che dovrebbero anticipare.

Evangelion 2.22: trailer VS film

Stabilito che anche le inversioni di rotta fanno parte del modo di lavorare di Anno e degli studi Gainax/Khara, perché questo è importante? Perché al pari delle scene eliminate di cui si trova traccia nelle interviste o nei groundwork, sapere cosa è stato cambiato e quando, attraverso il confronto tra anticipazioni e film, ci aiuta a “mappare” — per quanto in maniera approssimativa — la realizzazione del Rebuild e, perché no, carpire qualche indizio in più su dove voglia andare a parare.

Masturbazioni mentali? Beh, che novità.

(Le immagini della preview vengono tutte dal dvd di 1.11, quelle del film vero e proprio dal dvd di 2.22)

#1 L’unità 05

1_eva05

Cambia l’angolo di ripresa, ma l’unità 05 rimane praticamente identica. L’unica differenza percettibile, al di là dei colori più accesi e della scritta “Eva 5 provisional” sull’elmo, è che nella prima versione l’Eva sembrava armato con due lance, una per braccio, mentre nella versione definitiva ha una lancia sola montata sul braccio destro.

#2 L’unità 02

2_eva02

Dell’unità 02 che si lancia dall’alto con il nuovo equipaggiamento di tipo S, nell’anticipazione ci viene mostrata solo la sagoma in controluce, è impossibile quindi vedere le modifiche apportate al design dell’Eva: forse dovevano essere una sorpresa, forse non erano ancora state decise, forse dovevano essere una sorpresa per quando sarebbe uscito il modellino della Revoltech.
Notare però che cambia il colore delle braccia, da arancioni a bianche, e che le “corna” della mascherina insettoide dell’Eva sono già presenti ma molto meno pronunciate.

#3 L’incidente dell’unità 04

3_eva04

L’esplosione dell’unità 04, dovuta (si presume) al malfunzionamento dell’organo S² durante il test di attivazione, è stata ridisegnata per assomigliare di più al Second e al Third Impact mostrati nei film originali (D&R, EoE) e nel Rebuild: questo significa che l’Eva andato fuori controllo non è semplicemente saltato in aria distruggendo tutto, né è scomparso in una sorta di buco nero come nella serie, ma ha generato una zona anti AT-Field (i puntini luminosi sono per convenzione le “anime” degli esseri viventi cui AT Field è stato abbattuto) ricreando, in scala ridotta, le condizioni degli Impact al Polo Sud e a NT-3.

#4 La contaminazione dell’unità 03

4_eva03

Cambiano semplicemente i colori dell’Eva 04, la mascherina sulla faccia da grigia diventa rossa.
Fun fact: i colori dello 03 sono stati scelti apposta per far pensare a Toji (la carrozzeria nera coi dettagli bianchi ricorda la tuta che Toji indossa sempre, la mascherina rossa ricorda il cappellino da baseball) per poi sorprendere lo spettatore quando Asuka viene scelta come pilota per il suo collaudo.

#5 La discesa dell’unità 06

5_mark6

5_mark6_closeup

Il Mark.6 è più snello, slanciato, i colori sono ancora una volta più accesi, l’aureola più definita e la quantità maggiore di dettagli rende ancora più evidente la somiglianza con lo 01, a parziale conferma di una teoria molto diffusa secondo cui l’Eva pilotato da Kaworu sarebbe effettivamente l’unità 01 della serie originale, rimasta sulla luna dopo gli eventi di EoE e recuperata dalla Seele del Rebuild per farne “il vero Evangelion”.

#6 Adams

6_adams

Cambia il modo in cui vengono rappresentati gli Adams, presunti autori del Second Impact, ma la sostanza rimane uguale: quattro giganti di luce (nel preview sembrano più degli spettri) con aureola (ora hanno anche le ali) distinti solo per la posizione e l’aspetto dei rispettivi “nuclei”.

#7 Lilin+?

Dopo gli Eva e gli Adams, l’ultima sequenza dell’anticipazione mostra la scritta “Lilin+?” seguita da primi piani o scene emblematiche con protagonisti i personaggi umani (Lilin, come li chiama Kaworu nella serie originale). Possiamo supporre che il “+” sia l’indicazione del plurale, mentre il punto di domanda dovrebbe instillare il dubbio che si tratti veramente di esseri umani (Kaworu non lo è di certo, Mari chissà, Rei dipende dai punti di vista, Asuka e Shinji non molto, dopo gli eventi conclusivi di 2.0).

7_lilin1

I primi piani di Kaji e Gendo vengono dalla scena in cui il primo, appena arrivato in Giappone mostra al Comandante la Chiave di Nabucodonozor (scena speculare alla serie, con l’embrione di Adam al posto della Chiave). Cambiano solo i fondali e l’illuminazione.

7_lilin2

Misato schiaffeggia a Ritsuko: questa scena, presa dall’episodio 16 della serie originale non è stata inserita nel film. Il contesto era quello dello 01 e Shinji inglobati dal dodicesimo Angelo (Leliel), con Misato che dava in escandescenza quando scopriva che l’interesse primario di Ritsuko e della Nerv era recuperare l’Eva e non il suo pilota; se si fosse inizialmente pensato di includere la stessa situazione in 2.0, è evidente il motivo per cui si è poi deciso altrimenti: gli Angeli che compaiono nel secondo film sono “guerrieri” la cui venuta è funzionale a mettere in scena combattimenti spettacolari con gli Eva; Leliel, Angelo molto poco dinamico, è invece responsabile del primo momento di “introspezione forzata” nella serie, cosa che avrebbe francamente cozzato con il tono di 2.0 (nondimeno, alcuni momenti chiave dell’introspezione di Shinji provenienti dall’episodio 16 erano già stati usati in 1.0).

7_lilin3

Asuka, Rei e Shinji durante la battaglia contro Zeruel, chiaramente ricalcati dall’episodio 19. È evidente che non era ancora stato deciso di mettere Asuka in panchina (l’eufemismo del millennio) e sostituirla con Mari, del resto sappiamo che la Khara è rimasta incerta fino all’ultimo sul ruolo da affidare alla nuova arrivata: tra le varie possibilità c’era quella di farla comparire solo nella scena iniziale (lo scontro tra lo 05 e il terzo Angelo), oppure di farla combattere contro Zeruel assieme ad Asuka (cioè entrambe a bordo dello 02).

7_lilin4

Kaworu è ripreso un po’ più da vicino ed è disegnato in maniera leggermente diversa. Che attention whore.

7_lilin5

Mari osserva uno stormo di uccelli e una serie di esplosioni a forma di croce in lontananza, probabilmente causate da Zeruel nel momento in cui attacca Neo Tokyo 3: in 2.0 la scena ha luogo più o meno a metà film (subito dopo che si è parlato dell’unità 03: la sua unica utilità è gettare il dubbio che il pilota sarà Mari), ma senza le esplosioni all’orizzonte, dato che al momento dell’arrivo dell’Angelo Mari sarà nel Geofront, a bordo dello 02, pronta ad affrontarlo (e fare una pessima figura).
A conferma del fatto che Mari è stata a lungo un’incognita anche per la Khara, si noti che la divisa scolastica è diversa rispetto alla versione definitiva, e che nella preview non indossa ancora i diademi.

7_lilin5_bis

Inquadrature simili sono usate anche al termine della sequenza che apre il film, in cui Mari, in plug suit e in mezzo all’oceano, osserva le due esplosioni a forma di croce generate dall’Eva 05 e dal terzo Angelo appena distrutti.

Q, Final

Quello di Q è un caso squisitamente a parte, dal momento che NIENTE di quello che viene mostrato nella preview al termine di 2.0 ha luogo nel film successivo. Nulla vieta — anzi, le poche info che abbiamo parrebbero confermarlo — che quanto anticipato sia effettivamente accaduto nell’immediato futuro (per esempio la discesa nel Dogma dell’unità 06, che infatti troviamo ancora lì nel finale di Q), ma dal momento che il terzo film è ambientato 14 anni dopo gli eventi conclusivi di 2.0 non ne abbiamo alcun riscontro certo.
Ovviamente saremo lieti di approfondire.

Per quel che riguarda Final, invece, l’ultimo capitolo della quadrilogia era, al momento dell’uscita nelle sale di Q, in fase talmente embrionale che la sua “anticipazione” è costituita da una sequenza in loop del modello 3d dell’inspiegabile Eva 02-08 che combatte altri anonimi “modelli” di Eva (Evaseries? Gli Eva rossi “pietrificati” che infestano NT-3?); scopriremo entro breve se per l’uscita di Q in dvd e blu-ray questo trailer palesemente provvisorio è stato sostituito con qualcosa di più concreto, o almeno più chiaro, o se la Khara preferirà cucinarci a fuoco ancora più lento del solito.

Posted under: Rebuild of Evangelion, RoE: Analisi

kaw

È appassionato di Evangelion da 15 anni, di cui solo 2 passati in analisi, quindi bene, dai.

10 commenti

  • Grandissimo articolo, importantissimo ed indispensabile per l’approccio migliore al Rebuild e ad Evangelion in generale!

      • Un link a questo articolo è d’obbligo nella sezione “Eva vs Eva” dove, ricordiamolo, ci sono già due tuoi pezzi vintage :D

        Avete altri confronti ed altre analisi in programma, Magici Magi?

        • quei pezzi, CHE VERGOGNA, credo che non fossero scritti neanche in italiano XD

          in tema di confronti vorrei fare un pezzo sui parallelismi tra il primo e il 19esimo episodio della serie, che a livello di messa in scena sono totalmente speculari per mettere in evidenza la crescita di Shinji. e poi un giorno mi piacerebbe fare un confronto completo e approfondito tra serie e Rebuild ma è una cosa obiettivamente pazzesca che richiede tantissimo tempo voglia e cocaina.

          • Lift on 18/04/2013 at 16:33 said:

            Reply

            …nonché la conclusione del Rebuild, che per quanto ne sappiamo potrebbe arrivare nel 2020.

          • Quoto Lift al 400%!

            Per quanto concerne l’interessante parallelismo tra ep.1 ed ep.19 che aspetto con ansia, sarebbe sfizioso confrontare anche le loro controparti Rebuildose rispettivamente in ya(n)a e in yc(n)a!

  • Akainatsuki on 19/04/2013 at 05:50 said:

    Reply

    Io vorrei solo far notare una cosa sul tema “c’era nella serie” e “c’è nel Rebuild”: lo stecco del gelato dell’Uomo Tuta (Toji, ti ho amato con tutta me stessa…). Nella serie (e anche nel manga) c’è scritto “hai vinto!” (eggraziealciufolo), nel Rebuild “hai perso”.
    No, dico.
    Fateci un pensierino.

    E anche a tutte quelle navi arrandom in giro per Tokyo-3 a inizio Rebuild (ma il Ministero dell’Ambiente, gli spazzini che fine hanno fatto?). Cielo, lo ho notate pure io… e io di solito non capisco mai chi sia l’assassino! XD

    • CaskaLangley on 19/04/2013 at 09:32 said:

      Reply

      Sì, che poi io direi che Toji a questo turno (esclusa qualsiasi cosa gli sia successa in Q) ha vinto, altro che eprso XDDD

  • io credo di NON aver chiaro un passaggio:
    l’eva 06, il VERO evangelion , non e’ altro che l’unita’ 01 della serie…arrivato nel rebuild e ricostruito (corazza esterna) … ergo, all’interno del nucleo del mark six c’e’ l’anima di YUI IKARI (madre di shinji nella serie)… ora, in Q vediamo l’eva 13 “assorbire” in un unico nucleo lilith, il mark six ed il dodicesimo angelo…quindi abbiamo 4entita’ in una??? l’anima di Yui IKARI e’ ancora esistente nell’eva13 o non esiste piu in quanto entita’ indistinta con le altre 3?… e di chi CAZZ e’ l’anima nel nucleo del 13? (ammesso che ce ne sia una) e infine, che senso ha creare una matrioska di divinita’ , eva, e angeli???

    • yui > eva-01 > mark6 > angelo > lilith > eva-13

      …che per due soldi mio padre compò.

      scherzi a parte, non abbiamo motivo di pensare ci sia “nessuno” all’interno dell’eva-13

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *