Kaworu, Shinji, le stelle e Tanabata

Non ogni dettaglio di Evangelion genera riflessioni e teorie incontrollabili, e meno male, altrimenti non ci basterebbe lo spazio sul server. Ci sono anche piccole cose carine, che Tumblr (e nello specifico questa ragazza) notano per noi. Vi siete mai fermati ad osservare il cielo nel poster di Q?

Qualcuno l’ha fatto, e indovinate un po’? C’era qualcosa da notare. Come potremo mai riprenderci da questa novità?
Le stelle raffigurate nel cielo sono quelle di Altair e Vega, così come si incrociano il 7 luglio, giorno in cui in Giappone si festeggia Tanabata.

Io la leggenda di Tanabata l’ho imparata alle medie leggendo Lamù – e i professori dicevano che i fumetti facevano male, tsk! Per chi non abbia avuto Ataru Moroboshi nella propria adolescenza, un breve riassunto.
Orihime (Vega) era la figlia di Tentei, l’imperatore del cielo. Era una bravissima tessitrice, e siccome pure in cielo in Giappone vige la regola di lavorare per la comunità, tesseva ogni giorno gli abiti per gli dei senza mai pensare a se stessa. A un certo punto il padre, come mia nonna che mi dice di uscire di casa più spesso perché sono pallida, si mosse a compassione e le trovò marito: Hikoboshi (Altair), il cui lavoro consisteva nel far pascolare i buoi attraverso le sponde del Fiume Celeste.
I due s’incontrarono e s’innamorarono perdutamente, ma cosa volete, son ragazzi, e come Kaji e Misato insegnano iniziarono a passare tutto il tempo facendo quello che Wikipedia definisce “l’essere travolti dalla passione”, che per quelli di noi che non fossero nati negli anni ’40 significa scopare. Non lavoravano più, così gli dei non avevano nuovi abiti e i buoi correvano in giro per il cielo facendosi i fatti loro. Tentei allora separò i due sposi, mettendoli ognuno su un lato del fiume celeste, ma impietosito dala disperazione della figlia concesse loro di incontrarsi una volta l’anno, il settimo giorno del settimo mese. Immaginate come lo passino, quel giorno.

Perché abbiano scelto proprio questa leggenda è lampante, Kaworu e Shinji sono in un certo senso innamorati separati dal destino – se si può chiamare “destino” un padre stronzo, ma pure in questo Orihime e Shinji hanno qualcosa a che spartire.
Le stelle sono le stesse che i due ragazzi guardano nel film (ok, questo non mi pareva un grande spoiler, insomma: nel film ci sono le stelle e qualcuno le guarda; uao). Se smettiamo di fare aaaaaw per un momento possiamo concludere che Q si svolge in luglio. Qualcuno, qui, ha proposto anche l’idea di calcolare lo spostamento della rotazione dell’asse terrestre partendo dalla posizione delle stelle, ma in effetti era too far anche per noi.

A proposito, la passione di Shinji per il cielo non è una novità introdotta per il film, già in 2.0 si notavano nella sua stanza moltissimi poster e libri sull’argomento. Tutte le volte che lo guardavamo noi commentavamo”oh, amore, hai sviluppato anche una personalità!”. Se consideriamo la teoria del loop, Shinji ha un motivo in più per sentirsi rassicurato dal cielo: è una cosa che non cambia mai.

Adesso scusate, vi lascio. Sento il bisogno di sfogliare la mia collezione di doujinshi in cui Kaworu e Shinji si fanno “travolgere dalla passione” (anche se più che altro è la passione di Kaworu che travolge Shinji, lui se ne sta fermo e tordo come al solito).

Categorie Rebuild of Evangelion, RoE: Analisi

13 commenti

  • FrozenBrain on 17 gennaio 2013 at 11:45 am said:

    Reply

    AAAWWWW!
    In Evangelion tutte e dico tutte le sottotrame romantiche finiscono talmente bene che a confronto le tragedie di Shakespeare sembrano un episodio dei teletubbies. Ed ora un’intera serie e un paio di film dopo Anno mi fa il romanticone. Che tenero XD

    • CaskaLangley on 17 gennaio 2013 at 1:25 pm said:

      Reply

      Curioso che tu abbia citata proprio Shakespeare, perché è uscita fuori una cosa mentre scrivevo l’analisi dell’End…XDDD

  • Mr. Bombetta on 17 gennaio 2013 at 4:15 pm said:

    Reply

    Ciao, vi faccio un sacco di complimenti per il sito, non solo per l’impostazione e per l’accuratezza, ma anche perché sfata un sacco di luoghi comuni sui fan di EVA (per esempio quello sulla mancanza di critica ed autocritica).
    Vi volevo chiedere se per inviarvi articoli (uno di semplice analisi della regia di Q e uno o più sul tipo di teorie pazze) avevate un indirizzo e-mail, perché l’ho cercato da tutte le parti su queste pagine, ma non sono riuscito a trovarlo.
    Qual’è inoltre l’iter di approvazione degli articoli da parte vostra?

    • CaskaLangley on 17 gennaio 2013 at 5:49 pm said:

      Reply

      Grazie a te 🙂 La cosa strana di Evangelion è che è un prodotto di una complessità insolita nel quale però ci si imbatte per caso, pensando che sia tutt’altro, e quindi molti non sono sono semplicemente abituati a guardare le cose con un approccio più sensibile o critico: speriamo di cambiare un po’ la cosa, con questo sito, che è sempre utile con qualsiasi opera ci si confronti (altri resteranno così, ma ehi, la gente ha anche altre qualità).
      Detto questo, la mail è golgotha.base CHIOCCIOLA gmail.com. L’iter è: se ci intriga. Non è nostra intenzione raccogliere staff, rischieremmo di perdere l’identità del sito, in generale basta che ci racconti un po’ quello che vuoi e se un contributo interessante, che sentiamo è adatto allo spirito di Dummy, è ok. Altrimenti no, ma “no” solo per una questione di forma, non perché l’articolo sia brutto o cosa.

  • Yumemi91 on 17 gennaio 2013 at 5:54 pm said:

    Reply

    aaaaaawwwww…..!! °w° maccheccarini! in effetti ora che lo so non posso fare a meno di guardare quelle 2 stelle più luminose e pensare “checcarini loro!!” (il che avverrà ogni qual volta che prenderò in mano il telefono, accendero il computer, guarderò da qualche parte).
    leggi le doujinshi con passione anche per me (ToT in Giappone, è stato il colmo, non ne ho trovate di KawoShin..)! >////<

    • CaskaLangley on 17 gennaio 2013 at 8:17 pm said:

      Reply

      Oh cavolo, le hai cercate nei posti giusti? Mi sembra molto strano. Le yaoi tra l’altro sono anche avvicinabili, per una ragazza (io sono stata a fiere esclusivamente sul settore, figurati), il problema è con l’het, se t’infili in un negozio di doujinshi per cercare roba su Asuka (*si indica*) ai giapponesi esplode il cervello e sono a disagissimo, ti guardano spaventati tutto il tempo X’D

      • Yumemi91 on 18 gennaio 2013 at 7:52 pm said:

        Reply

        io e la mia amica praticamente passavamo ogni sera al Mandarake e il K-Books di Ikebukuro, ma non c’era molto… .______. o c’era roba hentai o roba davvero TROPPO hentai per me (e non ci tengo a sfogliare qualcosa dove solo in copertina c’era Asuka con un maxi-pene ^^’ posso scriverle queste cose, vero? xD). forse col film i doujin migliori se li sono sgraffignati prima TToTT ne ho presi giusto un paio a caso (di cui non mi pento °° uno è troppo inaspettatamente LOL), poi mi sono gettata su un altro fandom con più materiale. ma almeno, tra varie cose, ho preso il poster di YC(N)R. u____u rimedierò col prossimo viaggio (quando sarà).
        oh, noi volevamo andare al Comiket (si scrive così?), ma tra una cosa e l’altra non abbiamo fatto in tempo. sigh!
        comunque è vero! xD in ogni negozio ci guardavano come se fossimo state aliene! °w° incredibile! come mi manca!

  • Grazie, ecco, avevo proprio bisogno di uno spunto per lanciarmi a scrivere fic LKS finché non mi si consumano le mani. *annega nelle lacrime*

  • Qualcuno, qui, ha proposto anche l’idea di calcolare lo spostamento della rotazione dell’asse terrestre partendo dalla posizione delle stelle. Porca troia xD

  • Franzelion on 27 settembre 2013 at 11:22 pm said:

    Reply

    L’accostamento a questa leggenda giapponese mi sembra un po’ forzato se non fosse per il fatto che Kaworu si rivolge a Gendo chiamandolo “padre”, e che quindi hanno in qualche modo il padre in comune! E’ incredibile come le teorie più strampalate riescano ad infilarsi alla grande in tutto ciò che porta il nome di “Evangelion” XD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *